Home

PEC - posta elettronica certifica - obbligatoria

Pec posta elettronica certificata. Un pericolo per la privacy, costi e disagi.

Le semplificazioni complicanti della PA (pubblica amministrazione) firmate ministro Renato Brunetta

PEC posta elettronica certificata

Si chiama PEC (acronimo per Posta Elettronica Certificata), è un indirizzo email certificato da un gestore autorizzato che dovrebbe dimostrare con certezza l'accesso esclusivo alla casella elettronica, la data di invio e la data di ricezione delle comunicazioni email. La PEC sarà obbligatoria per tutte le società d'impresa dal prossimo 29 novembre 2011.

Cosa c'è che non va nella PEC?

L'indirizzo email PEC potrà essere usato per l'invio di comunicazioni della Pubblica Amministrazione alle imprese, incluse le comunicazioni dell'Agenzia Delle Entrate. Ad esempio potranno essere inviate comunicazioni di sanzioni.

Le email ricevute nella casella PEC avranno lo stesso valore legale delle lettere raccomandate AR con ricevuta di ritorno e questo comporta alcuni problemi. La legge genera infatti oneri economici e, soprattutto, disagi e problemi di sicurezza e l'esigenza di competenza tecnica informatica che non tutti hanno. Non tutti i cittadini sanno usare il computer e la email in condizioni di sicurezza, molti non sono neanche consapevoli di possibili violazione della privacy delle comunicazioni via email non criptate (in termini di privacy, per fare un esempio pratico, le email sono equivalenti alle cartoline che si spediscono dal mare).

Queste alcune complicazioni introdotte dalla legge sulla PEC:

  • sarai obbligato a consultare l'email praticamente ogni giorno (la casella equivale alla sede legale) perché la data del  recapito corrisponde a quella di consegna alla tua casella PEC (anche se non la consulti);
  • dovrai pagare un abbonamento annuale per la PEC (per il primo anno molti offrono il servizio gratis, controllare bene i costi e le modalità di rinnovo);
  • le comunicazioni che ricevi dalla PA saranno sottoposte a tutti i rischi dell'insicurezza informatica e non potrai scegliere di ricevere le lettere dalla PA in forma cartacea;
  • dovrai dotarti obbligatoriamente di una connessione a internet;
  • dovrai dotarti obbligatoriamente di un computer;
  • dovrai avere competenza informatica per trattare l'indirizzo email PEC e i documenti in media sicurezza;
  • dovrai gestire copie di backup da controllare periodicamente poiché non avrai un documento cartaceo con timbro postale da esibire in caso di contestazioni o problemi.

Dal 29 novembre nasce quindi il nuovo obbligo per le imprese societarie di consultare quotidianamente la casella PEC, un costo e un disagio per la gestione complessiva della PEC che ovviamente peserà maggiornamente sulle piccole imprese.

Da non sottovalutare anche i gravi rischi per la sicurezza, poiché, mentre per leggere le comunicazioni cartacee in busta chiusa occorre rompere la busta, cosi non è per le comunicazioni email tramite PEC. Le email infatti non sono automaticamente criptate, viaggiano in chiaro (come una cartolina postale) e possono essere lette da chi ha accesso alla rete o intercetta il traffico.

Le società d'impresa sono obbligate ad acquistare una casella PEC e comunicare il loro indirizzo email certificato alla Pubblica Amministrazione (Registro Imprese) entro il 29 novembre 2011. La legge che introduce questi obblighi per le imprese societarie, e che ha una dubbia utilità pratica (analizzati costi e benefici) e dubbie garanzie di sicurezza, è la seguente: Legge 28 gennaio 2009, n. 2 art 16

Le imprese costituite in forma societaria sono tenute a indicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata nella domanda di iscrizione al registro delle imprese o analogo indirizzo di posta elettronica basato su tecnologie che certifichino data e ora dell'invio e della ricezione delle comunicazioni e l'integrita' del contenuto delle stesse, garantendo l'interoperabilita' con analoghi sistemi internazionali. Entro tre anni dalla data di entrata in vigore del presente decreto tutte le imprese, gia' costituite in forma societaria alla medesima data di entrata in vigore, comunicano al registro delle imprese l'indirizzo di posta elettronica certificata. L'iscrizione dell'indirizzo di posta elettronica certificata nel registro delle imprese e le sue successive eventuali variazioni sono esenti dall'imposta di bollo e dai diritti di segreteria.

Attenzione, la casella email PEC è equiparata alla sede legale.

Mentre non è praticamente possibile dimenticarsi di guardare la cassetta postale fisica, non è così difficile dimenticarsi di aprire una casella email PEC che probabilmente nessuno userà per le comunicazioni ordinarie. Molto anomalo l'obbligo imposto esclusivamente alle imprese costituite in forma di società.

Con la Raccomandata con ricevuta di ritorno fa fede la data di ricezione fisica, così pare che non sia per la PEC (Posta Elettronica Certificata), la procedura non risulta al momento molto chiara. La PEC certifica la data di consegna di una comunicazione ad una casella di posta elettronica e non ad una persona fisica, o al rappresentante legale in persona.

Le società d'impresa che non comunicheranno la casella PEC al Registro delle imprese, entro il 29 novembre 2011, incorreranno in una sanzione pecuniaria che potrà andare da 206 a 2.065 (!?) euro

Da valutare la possibilità di disattendere in massa una legge che obbliga illegittimamente (senza tenere conto dell'analisi costi/benefici) a ricevere le comunicazioni della Pubblica Amministrazione (anche giudiziarie) in una casella email a pagamento, obbliga ad acquistare un pc, una linea internet,  obbliga a consultare l'email ogni giorno, obbliga a rischiare violazioni della privacy e della sicurezza (virus, accessi illeciti, intercettazioni).

 

Aggiornamento 28/11/2011

Scadenza prorogata con circolare al 31/12/2011

4.714285
 
 


Commenti

scrivi commento
 

 

 

 

Invia nuovo commento

Your first name. N.B. Se sei una persona lascia il codice intatto.

Opzionale - se vuoi ricevere le notifiche delle risposte inserisci un indirizzo email valido e seleziona le opzioni di ricezione che trovi sotto il commento. N.B. l'indirizzo email è sempre privato e non verrà mostrato pubblicamente.

CAPTCHA
Questa domanda serve per verificare che non sei uno spam-bot. Non c'è distinzione tra maiuscole e minuscole.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.

Segnala questa pagina

Vota questa pagina

4.714285
 
 

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-5634326145375843"
data-ad-slot="3055815640">