Home

Affidamento dei figli, i minori hanno diritto di essere ascoltati

diritti bambini

I figli di genitori separati devono essere ascoltati riguardo al loro affidamento quando c'è contesa tra i genitori separati o divorziati. Questo secondo la sentenza della Corte di Cassazione, Sezioni Unite del 21 ottobre 2009, n. 22238.

Secondo la sentenza dovrebbe quindi escludersi l'obbligo della madre di insistere con il figlio che esprime la volontà di non voler vedere il padre?

Un'altra sentenza aveva, invece, stabilito una punizione per la mamma che aveva «assecondato il rifiuto opposto dalla figlia minore Fabiola alla frequentazione con il padre».

 

1
 
 


Commenti

scrivi commento
Ritratto di nurse68
 #

Re: Affidamento dei figli, i minori hanno diritto di essere ...

I miei  figli hanno 11, 15 e 21 anni. Escluso l'ultimo che è un adulto, vorrei sapere xchè gli altri due dovrebbero essere obbligati da chicchesia a vedere il padre ? ok che la separazione è stata consensuale e che leggi e cartacce sanno cosa dire, ma, scusate... esiste qlc che sappia dare ascolto alle loro esigenze e perplessità oltre alla sottoscritta? allora, se fino alla sentenza non ricordavi neppure dove abitavano i tuoi figli, x quale motivo dopo li vuoi "vedere a forza"? Dico a questi " poveri padrei separati" cercatevi un altro hobby , i figli vanno cresciuti con amore, vanno seguiti costantemente, vanno aiutati a superare le difficoltà che incontrano. se voi avete un week-end libero e non sapete proprio come passare il tempo, andate a pesca che  vi rilasserà e vi aiuterà a riflettere.

 
Ritratto di anonima/o
 #

Re: Affidamento dei figli, i minori hanno diritto di essere ...

si va bene, ci vorrebbe una bella visita per dedurre quello che dici.... ma voglio anche crederci, ma mi scusi se e cosi vai nella minoranza dei casi ... di pas....

 
Ritratto di vnd1
 #

Re: Affidamento dei figli, i minori hanno diritto di essere ...

Scusa, a chi hai risposto?

 
Ritratto di vnd1
 #

Re: Affidamento dei figli, i minori hanno diritto di essere ...

Ascoltati ma assolutamente non influenzati e plagiati dalla madre o dal padre.
Proprio per evitare questi tentativi di condizionare la volontà del bambino, è giusto fissare dei paletti e costringere il genitore ad insistere affinché il bambino vada a trovare l'altro.
Il bambino deve avere contatti costanti con entrambi i genitori.
Il bambino va ascoltato ma non necessariamente assecondato in tutto.
E' probabile che il bambino non abbia voglia di andare nemmeno dal dentista, dal dottore o a scuola...
E allora che si fa?
Lo si lascia fare?
No.
Ci sono delle regole e le regole vanno rispettate.
Con buona pace della madre (o del padre) che vorrebbe estromettere l'altro genitore dalla vita del figlio.

 
Ritratto di anonima/o
 #

figlio conteso

sono una mamma che si trova nelle condizioni in cui di solito ci troviamo i papà... non vedo un figlio di 13 anni perchè da 1 anno vive col padre che davvero ce l'ha messa tutta per farmi odiare. In compenso sono stata denunciata per art. 388 e 570 e preciso che da5 anni sono senza lavoro... per la serie " la madre se ne frega, ma il figlio la rifiuta". Se non mi vuole vedere e sentire va bene a tutti, se pago forse si. I FIGLI NON SONO MERCE DI SCAMBIO TRA GENITORI IMMATURI

 
Ritratto di vnd
 #

Re: figlio conteso

Non paghi gli alimenti, distruggi i beni pignorati...
E sarebbe il padre a mettercela tutta per farti odiare?

 
Ritratto di anonima/salvatore
 #

possibile famiglia unita

i padri malevoli mettiamoli da parte se sono malevoli non cercano certamente i figli ma lasciamo campo libero a padri benevoli che ce ne sono tanti non neghiamo l'amore perche l 'amor con l'amor si paga se ci fosse amore e comprensione si eviterebberono un sacco di tragedie se in una famiglia le cose vanno bene tutti siamo uniti malauguratamennte se le cose non vanno bene sio ci rimane solo tt scappano.

 
Ritratto di anonima/salvatore
 #

diritto alla patria potesta'

affinche la patria potesta' non viene tolta tutti abbiamo il diritto di avere e fare visite al minore nessuno lo puo impedite tranne il giudice tutelare di appartenenza.

 
Ritratto di Ariaora
 #

decadenza potestà genitoriale

"nessuna legge può costringere una persona a manifestare un affetto che non sente o ad esercitare un ruolo genitoriale non voluto."

Tribunale minorenni L’Aquila, 08 giugno 2007
fonte: Quando decade la potestà genitoriale

 
Ritratto di anonima/salvatore
 #

mammamia che avra fatto

mammamia che avra fatto questo padre che far arrivare al punto che il proprio figlio non lo vuole vedere e gravissimo ma mi scusi signora m le cose vanno ascoltate a due come suonano le due campane il figlio rifiuta bil papa' certamente bisogna vedere la provenienza di questo rifiuto.

 
Ritratto di Ariaora
 #

E quali sarebbero le due

E quali sarebbero le due campane? se un padre non vuole vedere il figlio non può essere obbligato a frequentarlo, giusto? se un figlio non vuole frequentare un genitore perché non potrebbe? le motivazioni bisogna chiederle al figlio.

 
Ritratto di vnd1
 #

Re: E quali sarebbero le due

E' un concetto semplicissimo, quindi è anche facile da spiegare.
Il padre è obbligato a pagare gli alimenti per il figlio.
Pertanto, il padre ha il diritto di vederlo.
E la madre, se vuol bene al figlio, riuscirà a convincerlo con le buone.
Se invece è stupida, lo farà soffrire inutilmente.

 
Ritratto di anonima/o
 #

diritti di famiglia

non essere obblicato di vedere un figlio o viceversa un figlio non e obblicato di vedere un padre, ma lei scherza ma si informi che questo e un grave reato la legge proprio lo ha imposto questo e l'art che inizia col 500 mancanza di dovere di assistenza famigliare i genitori hanno il dovere di educare e mantenere i figli come anche i figli e dovere una volta adulti di curare e interessarsi dei genitori stessi .

 
Ritratto di Ariaora
 #

Frequentazioni dei familiari

Quello di cui parli è un dovere di assistenza materiale ed è doveroso soprattutto nei confronti dei figli che, ricordiamolo, non hanno inoltrato nessuna richiesta di essere generati. Non mi risulta che i papà siano obbligati, come ho scritto, a frequentare i figli e non è chiaro perché i figli dovrebbero essere obbligati a frequentare il padre. Se sono male informata, illustrami quale pena è prevista per il genitore che non adempie al diritto di visita, che non si interessa del figlio, che non ha partecipato alla vita del figlio dal punto di vista pratico e anche affettivo.
In casi simili a quello descritto, ti sembra possibile che un figlio non voglia frequentare il papà separato?

 
Ritratto di anonima/o
 #

frequentare i figli a tempo pieno

cara ariaora io non sono un avvocato un semplice papa separato , in quanto alle mie risposte lo so che non' e una novita che il genitore o il figlio si sottraggono alla frequentazioni , ma io leggo un sacco di sentenze di separazioni dove i giudici portono la tesi che anche se un figlio non vuole stare con un genitore magari alle visite stabilite in sede di separazione il genitore affidatario deve costringere l'incontro al genitore non collocatorio.
siamo obiettivi quante mamme hanno ostacolato e manipolato i figli verso l'altro genitore? non sara il tuo caso naturalmente e alla fine si perde l'affetto di endrambi e avviene il fenomeno che se padre che figlio vengono distaccati per tempi lunghi e perdendo l'affetto si rifiutano uno con l'altro. la soluzione di questa problòematica per essere risolta e l'affido condiviso cosi i papa si vedono piu responsabili i figli si sentono piu protetti e se tra marito e moglie ci sta una guerra per lomeno si ci rimani buon genitori . i bambini non hanno chiesto di venire al mondo ma giacche siamo stati noi genitori a farli venire al mondo ci dobbiamo prendere le nostre sacrosante responsabilita di portarli avanti e non mettere tra di loro in competizione il genitore piu bravo e meno bravo .poi chi e buono si salva da se. non sono un diplomato spero che sono stato chiaro.

 
Ritratto di Ariaora
 #

libera scelta

ma io leggo un sacco di sentenze di separazioni dove i giudici portono la tesi che anche se un figlio non vuole stare con un genitore magari alle visite stabilite in sede di separazione il genitore affidatario deve costringere l'incontro al genitore non collocatorio.

quanto riferisci è gravissimo, puoi indicare le sentenze? ad esempio potremmo analizzarle nel dettaglio nel forum? un caso di pretesa imposizione di visita del padre da parte della madre è stato discusso.

La giustizia non deve "portare tesi" ma tutelare diritti, nel caso specifico i figli non dovrebbero essere deprivati del loro diritto di libera scelta. Le relazioni familiari si costruiscono e quando sono solide non bastano le chiacchiere di qualcuno, o una separazione coniugale, per demolirle. Ipotizzando che tu sia vittima di un'ingiustizia, fatto possibile, non puoi pretendere che tutti i figli di separati siano privati del diritto di libera scelta e pretendere la collaborazione delle mamme nell'attuazione di una tale violenza.

Nel caso di figli molto piccoli il discorso è più complicato, ma bisogna comunque valutare i disagi che manifestano nel frequentare persone. I bambini sono esseri umani e non proprietà da suddividere.

 
Ritratto di anonima/salvatore
 #

separazioni in diminuzione

non ce bisogno di evidenziarvi a quale causa i giudici pongono questa legge e vero i figli non sono proprieta' di nessuno mi fa piacere che una donna ha espresso questa frase fin qua siamo d'accordo che una mamma ostacoli la frequentazione di un figlio al proprio padre questo succede nella maggioranza io parlo cosi perche anche io come nell'80 per cento si trovono nelle mie condizioni alri 20 per cento dei casi si sono d' accordo che la rottura di una famiglia quanto avviene da parte degli uomini padri mariti non idonei a niente allora avviene che giustamente la ex per consequenza si rivale sui figli e anche giusto se una moglie tradita dai doveri famigliare e si separa mette tutto contro al proprio marito. ma io parlo della maggioranza degli uomini che passano ingiustamente dalla parte del torto solo perche una moglie si e stamcata di fare la moglie e basta una minima cosa e avviene la separazione poi seguono denunce false maltrattamenti perccosse a quantaltro seccondo voi donne e giusto tutto questo? non generalizziamo prendiamo casi per casi allora adesso basta tutto questo chi sbaglia paga se viene approvata la legge condivisa non fate le polemiche perche non esisteranno piu avvocati che accellerano i conflitti lo stampato delle separazioni viene eliminato si ci separa col condiviso e i conuigi endrambi gia sanno a cosa si va incontro ed io penso che le separazioni con motivazioni banali diminuiscono piu del 50 per cento perche se uomo che donna ci troviamo nella stessa barca se affondo io affondi anche tu.

 
Ritratto di Ariaora
 #

Puoi citare le fonti dei dati statistici?

Puoi indicare le fonti dei dati statistici che riferisci? Parli di percentuali e quindi immagino che avrai un documento di riferimento. A prescindere da ciò, la giustizia non dovrebbe fondare le sentenze su opinioni, statistiche e generalizzazioni, ma su fatti e prove verificandone la veridicità. Proprio perché non bisogna generalizzare è necessario prendere in considerazione le esigenze e il diritto di scelta dei bambini che hanno diritto di essere ascoltati e i cui malesseri nel frequentare persone dovrebbero essere presi in considerazione. Il problema delle false accuse e false testimonianze esiste e riguarda ogni tipo di controversia legale, nessuno può negarlo, ma esiste anche il problema della violenza maschile su donne e bambini, per questo motivo è molto importante ascoltare i bambini e le loro esigenze, analizzare la situazione e se si è vittima di violenza psicologica o fisica è consigliabile raccogliere prove oggettive delle violenze.

 
Ritratto di vnd
 #

Re: Puoi citare le fonti dei dati statistici?

"la giustizia non dovrebbe fondare le sentenze su opinioni, statistiche e generalizzazioni, ma su fatti e prove verificandone la veridicità".

Stando ai rilevamenti ISTAT, i figli sono dati in affido esclusivo alle madri nel 91% dei casi.

Quali sarebbero le sentenze non basate sul pregiudizio e l'opinione?

Fonti sulla violenza femminile e sulle accuse strumentali:
http://lombardia.indymedia.org/node/28643

Certo che se bannate i siti antifemministi, diventa difficile e scomodo riportare le fonti..
Ve la cantate e ve la suonate da sole...
http://violenza-donne.blogspot.com/2006/12/false-accuse-strumentali.html

 
Ritratto di vnd
 #

Re: Puoi citare le fonti dei dati statistici?

 
Ritratto di anonima/salvatore
 #

figlia contesa

non sono in grado di indicare la perccentuale precisa ma fin ad'ora ci sono le testimonianze di tante vittime di false denuncie basta seguire su tutti i giornali interviste papa che vanno direttamente in trasmissioni televisive le associazioni di papa separati vedendo tutto questo si potra' fare un resoconto .la scelta dei bambini ma come un bambino puo scegliere un genitore se da parte della mamma ci sta una certa allienazione e manipolazione ? anche qua vi devo indicare le fondi? il bambino a quanto mi risulti mi posso anche sbagliare nonìeì stato mai sentito dal giudice ammenoche non ci sono stati casi che lo richiedesserono io con mia figlia nonostante che la mamma me la sottratta e portata via a 500 chilometri i primi tempi mia figlia mi papa cattivo e eveva 3 anni questo era l'inizio del lavore delle mamme che incominciavano a lla manipolazione della bimba dopo non vedendo giusto tutto questo sono andato in procura a mettere in atto queste cose ho vinto sapete cosa? che vedo mia figlia me la porto a casa mia e oggi lei ha 7 anni e mi ama come papa'per ottenere l'amore di una figlia bisogna punire o no le mamme malevoli?

 
Ritratto di vnd
 #

Re: figlia contesa

E come se non bastasse..

http://www.paternita.info/downloads/sentenze/separazioni-falsedenuncie-v...

* PSICOLOGA GIURIDICA, SARA PEZZUOLO
Convegno ANFI (Associazione Nazionale Familiaristi Italiani) - Firenze, 29 aprile 2010
" False accuse di maltrattamenti, percosse, abusi sessuali e violenze di vario genere su donne adulte e figli minori: le querele costruite al solo scopo di eliminare l’ex marito dalla vita dei figli - oscillano nelle procure italiane da un minimo del 70 ad un massimo del 95%."

* PRESIDENTE AGI, CLARA CIRILLO
Presidente AGI (Associazione Giuristi Italiani) - 4 febbraio 2010
" Ad adottare questi sotterfugi sono sempre le donne: se la separazione è in corso, non ci sono strumenti prima dell'udienza per allontanare uno dei due genitori da casa. L'ordine di allontanamento giunge solo in caso di violenza fisica, ed ecco perché arrivano le denunce verso i mariti, per la maggior parte dei casi inventate."

* CTU TRIBUNALE, MARIA CAROLINA PALMA
dal quotidiano "l’Avvernire" del 13/04/2009
" L’accusa di violenza sessuale è il modo più facile per estromettere il padre dalla vita dei figli. La donna non solo si libera del partner come coniuge ma anche come padre, facendolo uscire definitivamente dalla sua vita. [..] La legge attuale non garantisce né il padre, né il minore."

* PUBBLICO MINISTERO CARMEN PUGLIESE
quotidiano "Eco di Bergamo" del 31/01/2009
FALSE E PREMEDITATE DALLE EX MOGLIE l’80% DELLE DENUNCIE DI MALTRATTAMENTI NELLE SEPARAZIONI.
La dichiarazione della PM Carmen Pugliese autorizzata dal Procuratore Generele Galizi in occasione della inaugurazione dell'anno giudiziario 2009:
"vero il 20% dei casi, le altre vogliono soldi dagli ex." - I maltrattamenti in famiglia stanno diventando un'arma di ritorsione per i contenziosi civili durante le separazioni - avverte Carmen Pugliese, PM del pool della Procura specializzato in reati sessuali e familiari. Solo in 2 casi su 10 si tratta di maltrattamneti veri analizza la PM - il resto sono querele enfatizzate e usate come ricatto nei confronti dei mariti durante la separazione. "Se non mi concedi tot benefici, io ti denuncio" è la minaccia che fanno alcune mogli. Tanto che, una volta ottenuto quello che volevano, tornano in Procura a chiedere di ritirare la denuncia. L'impressione è che alcune mogli tendano a usare PM e Polizia Giudiziaria come strumento per perseguire i propri interessi economici in fase di separazione. [..]
ultimo aggiornamento 27.09.2010 - ricerca su false denuncie e falsi abusi nelle separazioni - pag. 2
Carmen Pugliese una tiratina d’orecchi la riserva anche alle associazioni che operano a tutela delle donne: "non fanno l'operazione di filtro che dovrebbero fare: incitano le assistite a denunciare, ma poi si disinteressano del percorso giudiziario, di verificare come finirà la vicenda. Mi sembra una difesa indiscriminata della tutela della donna che viene a denunciare i maltrattamenti, senza mettere in conto che questa donna potrebbe sempre cambiare versione".
fatta le false denunce provengono quasi nella totalità da donne, spesso madri che in tal modo tentano di allontanare gli ex mariti dai figli

* PUBBLICO MINISTERO BARBARA BRESCI
quotidiano "il Secolo XIX" del 25/11/2009
SI RICORRE ALLA QUERELA (STALKING) DEL CONIUGE PER RISOLVERE A PROPRIO FAVORE CONTRNZIOSI CIVILI PER L’AFFIDAMENTO DEI FIGLI O PER L’ASSEGNO DI MANTENIMETO.
La dottoressa Bresci Barbara è il magistrato che dall’introduzione del nuovo reato nel nostro ordinamento (febbraio 2009), ha aperto il più alto numero di fascicoli per stalking.
(intervista) - IN COSA CONSISTE LA GENERICITA' DELLA NORMA?
"Significa che le procure sono costrette a interpretare la legge, con il rischio di concedere troppo spazio alla discrezionalità. Mi spiego. Il legislatore stabilisce che i presupposti che configurano il reato di stalking sono sostanzialmente tre, ovvero che la presunta vittima, a seguito di pressioni, persecuzioni, minacce, violenze e quant’altro, viva una condizione di ansia, abbia timore per la propria incolumità e che a causa delle condotte dello “stalker” venga costretta a modificare le sue abitudini di vita e di relazione. Inoltre, la legge parla di condotte reiterate, senza fornire parametri di riferimento precisi e omogenei. In questo modo diventa difficile inquadrare lo stalking e diversificare il reato rispetto alle singole contestazioni di molestie e maltrattamenti in famiglia. Per non parlare, poi, dei rischi di strumentalizzazione della giustizia penale, che aumentano in maniera proporzionale all’incremento dei fascicoli per stalking."
VUOLE DIRE CHE MOLTE VITTIME NON SONO TALI?
"Spiace constatarlo, ma è così. Sempre più spesso si ricorre alla querela del coniuge o del convivente per risolvere a proprio favore i contenziosi civili per l’affidamento dei figli o per l’assegno di mantenimento. Non sono rari i casi che, a controversia sanata, le querele vengano rimesse, con buona pace per le risorse professionali ed economiche investite dagli inquirenti allo scopo di istruire i fascicoli e raccogliere gli elementi probatori a carico degli indagati. [..]"
CAPITA SPESSO?
"Purtroppo sì. Anche in casi molto gravi, che in precedenza avevano portato all’emissione di una MISURA CAUTELARE. Per ovvi motivi di riservatezza non posso entrare nel merito dei singoli episodi, ma ancora di recente mi è stato comunicato dal difensore e dalla parte civile che una coppia ha espresso la volontà di tornare insieme dopo che, durante l’indagine, avevamo accertato episodi gravissimi a carico dell’UOMO".
ultimo aggiornamento 27.09.2010 - ricerca su false denuncie e falsi abusi nelle separazioni - pag. 3

* PUBBLICO MINISTERO J. MONICA MAGI
dal portale "CRIMINOLOGIA.IT" del 29/01/2009
LE FALSE DENUNCIE PROVENGONO QUOASI NELLA TOTALITA’ DA DONNE, SPESSO MADRI CHE IN TAL MODO TENTANO DI ALLONTANARE GLI EX MARITI DAI FIGLI..
La dottoressa Jaqueline Monica Magi è giudice del tribunale di Pistoia.
"Potrebbe sembrare incredibile che si possa accusare qualcuno che si sa innocente di un delitto turpe quale quello di violenza sessuale, in particolare quando è perpetrata su un bambino, eppure succede e neanche troppo raramente [...] per l’esperienza fatta le false denunce provengono quasi nella totalità da donne, spesso madri che in tal modo tentano di allontanare gli ex mariti dai figli o peggio credono di vendicarsi di non si sa quali torti subiti durante il matrimonio."

* RICERCA CESI S., MASINA E, CAMERINI G.B.
casistica in separazioni conflittuali, 13° International Congress of the ESCAP, Firenze, 25-29/08/2007.
Sui casi presi in esame la denuncia di abuso si è rivelata confermata (condanna dell'imputato) per il 5,6% coinvolgendo mentre nei restanti la denuncia si è rivelata infondata (92,4%)

* CENTRO NAZIONALE FALSI ABUSI
Il 95% delle denuncie per maltrattamenti sono false. (ultimi dati, Vittorio Apolloni, da "L’Avvenire")

* SPAGNA: 350 FALSE ACCUSE AL GIORNO
documentario 2010 © RVproductions - http://www.youtube.com/watch?v=NyJKTCfJeHA
MARIA SANAHUJA (giudice decano di Barcellona): "Gli arresti di massa di uomini, con poche prove, sono una caratteristica dei paesi totalitari [..] una violazione dei diritti fondamentali in Spagna. Si è creata una specie di follia nella legge, che crea l’abuso, la distruzione dell’onere della prova durante il processo e l’assenza della presunzione d’innocenza. La discriminazione positiva viola i diritti di uguaglianza, come il diritto alla libertà ed alla sicurezza o alla tutela giuridica effettiva. Abbiamo causato grande sofferenza a tantissimi uomini."

* ALTRE FONTI STATISTICHE
DATI EURISPES - 80.000 sono ogni anno gli Italiani che subiscono ingiusta detenzione e 32 milioni di euro di indennizzo nel solo anno 2008 per lungaggini delle cause.
DATI GESEF.ORG - 26.800 sono i padri separati denunciati falsamente (dal 1998 al 2006).
ultimo aggiornamento 27.09.2010 - ricerca su false denuncie e falsi abusi nelle separazioni - pag. 4
OMS (Organismo Mondiale della Sanità) e UE - In Italia 4 suicidi su 5 sono maschili, mentre in Europa sono 2.000 i papà separati che ogni anno si suicidano.
L’ANGOLO DIDATTICO - “Dalla storia antica..”
Giuseppe fu menato in Egitto; e POTIFAR, ufficiale di Faraone, lo comprò da quegl'Ismaeliti. [..] Or Giuseppe era di presenza avvenente e di bell'aspetto. Avvenne che la moglie del signore (il padrone di Giuseppe) gli mise gli occhi addosso, e gli disse: "Giaciti meco". (“fai l’amore con me”)
Ma egli rifiutò e disse alla moglie del suo signore: "il mio signore non s'informa da me di nulla ch'è nella casa, e ha messo nelle mie mani tutto quello che ha; egli stesso non è più grande di me in questa casa; e nulla mi ha divietato, tranne che te, perché sei sua moglie. Come dunque potrei io fare questo gran male e peccare contro Dio?". E benché ella gliene parlasse ogni giorno, Giuseppe non acconsentì, né a giacersi né a stare con lei.
Or avvenne che un giorno egli entrò in casa per fare il suo lavoro; e non c'era quivi alcuno della gente di casa; ed essa lo afferrò per la veste, e gli disse: "Giaciti meco". Ma egli le lasciò in mano la veste, e fuggì fuori. E quand'ella vide ch'egli le aveva lasciata la veste in mano e ch'era fuggito fuori, chiamò la gente della sua casa, e le parlò così:
"Vedete, ei ci ha menato in casa un Ebreo per pigliarsi giuoco di noi; esso è venuto da me per giacersi meco, ma io ho gridato a gran voce. E com'egli ha udito ch'io alzavo la voce e gridavo, mi ha lasciato qui la sua veste, ed è fuggito fuori!"
(quando il marito tornò a casa racconto la stessa cosa) - Quando il signore di Giuseppe ebbe intese le parole di sua moglie che gli diceva: "Il tuo servo mi ha fatto questo!" l'ira sua s'infiammò. E il signore di Giuseppe lo prese e lo mise nella prigione, nel luogo ove si tenevano chiusi i carcerati del re.
(SACRA BIBBIA, ANTICO TESTAMENTO – GENESI CAPITOLO TRENTANOVESIMO “Giuseppe in carcere”)

per maggiori informazioni paternita@email.it
si ringraziano:
l’associazione nonni e la presidente m.bisegna - nonni-genitori-di-padri-separati@hotmail.it
il centro di documentazione CDVD http://violenza-donne.blogspot.com

http://www.fainotizia.it/2009/03/01/le-accuse-dellex-sono-quasi-sempre-f...

 
Ritratto di Ariaora
 #

allora hai inventato dati statistici

Quindi, hai inventato di sana pianta dati statistici inesistenti, ok.

Chiaro che esistono papà malevoli, e possono esistere mamme malevole. Bisogna provarlo. Quindi se ci sono prove che il papà è malevolo e il bambino non vuole frequentarlo proprio perché il papà è malevolo, bisognerebbe prenderne atto.

Come ho premesso, nel caso di bambini molto piccoli la questione si complica inevitabilmente. Tuttavia appare del tutto comprensibile che un bambino non voglia frequentare un papà malevolo, o che non si è mai occupato del figlio fino al momento della separazione, momento in cui nasce la disputa con la ex-moglie.

Dubito che un bambino accetti di buon grado il distacco da un papà non malevolo se dalla nascita lo ha visto e sentito occuparsi della sua persona al pari della mamma. Perchè aspettare il divorzio per pretendere tempo da passare con i figli anche contro la loro volontà? Se nel tuo caso tu non eri un papà malevolo, violento ed eri vittima di un'ingiustizia sicuramente sarà stata presa la decisione del caso sulla base di prove e non opinioni, o statistiche inesistenti.

 
Ritratto di vnd
 #

Re: allora hai inventato dati statistici

Non ha inventato nulla.
E tu lo sai bene.

 
Ritratto di vnd
 #

Re: allora hai inventato dati statistici

FONTI STATISTICHE
DATI EURISPES - 80.000 sono ogni anno gli Italiani che subiscono ingiusta detenzione e 32 milioni di euro di indennizzo nel solo anno 2008 per lungaggini delle cause.
DATI GESEF.ORG - 26.800 sono i padri separati denunciati falsamente (dal 1998 al 2006).
ultimo aggiornamento 27.09.2010 - ricerca su false denuncie e falsi abusi nelle separazioni - pag. 4
OMS (Organismo Mondiale della Sanità) e UE - In Italia 4 suicidi su 5 sono maschili, mentre in Europa sono 2.000 i papà separati che ogni anno si suicidano.

 
Ritratto di anonima/salvatore
 #

parita di sesso

certamente in procura si depositano delle prove non le opinioni che poi la procura con la polizia giudiziaria verifica con indagini nolto approfondite chi presenta una denuncia sa bene o perlomeno dovrebbe sapere che si assume tutte le responsabilita se penale che in sede civilema a lei non risultano ingiustizie sui minori? io non sono un critico no un giornalista ribadisco sono un semplice papa che sta lamentanto i nostri disagi con i figli condesi ma mi scusi a lei non risulta che i minori in sede di separazione vengono 80 per cento affidati alle mamme questo non lo sto deducendo io ma si legge da pertutto rispondo a quelle donno che ci stanno assalendo da quanto si sta parlando dell'affidamento bis ma vi preoccupate veramente dei figli ho vi preoccupate della bella comodita di tutti i vantaggi che fino ad oggi godavate. era bello vedere un uomo ridotto all'elemosina ? e bello che un uomo deve perdere casa figli e e amore?
e bello che la donna si puo rifare una nuova vita e l'uomo per motivi finanziari deve sudare per trovare un'alloggio e bello se tutto questo vi sembra giusto allora la vostra legge tenetevela per voi noi siamo in italia uno stato civile e c'e la parita di sesso abbiamo gli stessi diritti e allora arrangiatevi come ci siamo arrangiati perì anni anche noi.

 
Ritratto di Ariaora
 #

era ora

Finalmente, qualche uomo che si batte per la parità dei sessi. :-)

Un'ingiustizia nei confronti dei minori è senza dubbio l'affido condiso al padre malevolo. Quei papà separati che si scoprono all'improvviso affettivi e carenti del figlio nel momento in cui si parla di residenza e mantenimento.

 
Ritratto di vnd
 #

Re: era ora

Umh... Sembrava ti fossi dichiarata contraria al pregiudizio e al luogo comune...
Salvo, poi, farne largo uso.

Forza.
Tiraci fuori questi dati statistici sui "papà separati che si scoprono all'improvviso affettivi e carenti del figlio nel momento in cui si parla di residenza e mantenimento"...
Magari, spiegaci anche, a parole tue, che cosa intendevi dire...

Visto che sei cosi brava a mettere i puntini sulle i...

 
Ritratto di vnd
 #

Re: era ora

La parità tra i sessi, prima o poi, arriverà....

E non ti piacerà.

 
Ritratto di SILVIA
 #

SONO UNA MAMMA CHE STA

SONO UNA MAMMA CHE STA LOTTANDO DA ANNI PERCHè MIO FIGLIO NON VUOLE VEDERE IL PADRE IO CONTINUO A SOSTENERE MIO FIGLIO ANCHE SE MINACCIATA PIù VOLTE DAI SERVIZI SOCIALI OBBLIGATA DAL TRIBUNALE MA VADO AVANTI NON SI PUò CON FORZA PORTARE UN BAMBINO A VEDERE UN GENITORE !!!!!!!!!SONO SERENA PERCHè DI CERTO è UNA SCELTA CHE HA FATTO MIO FIGLIO E IO NON HO MAI MESSO IN CATTIVA LUCE IL PADRE.

 
Ritratto di vnd1
 #

Re: SONO UNA MAMMA CHE STA

Come no?
Le credo ciecamente!
Anche l'oste dice che il suo vino è buono....

 
 

 

 

 

Invia nuovo commento

Your first name. N.B. Se sei una persona lascia il codice intatto.

Opzionale - se vuoi ricevere le notifiche delle risposte inserisci un indirizzo email valido e seleziona le opzioni di ricezione che trovi sotto il commento. N.B. l'indirizzo email è sempre privato e non verrà mostrato pubblicamente.

CAPTCHA
Questa domanda serve per verificare che non sei uno spam-bot. Non c'è distinzione tra maiuscole e minuscole.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.

Segnala questa pagina

Vota questa pagina

1
 
 

Ultimi commenti

I miei  figli hanno 11, 15 e 21 anni. Escluso l'ultimo che è un adulto, vorrei sapere xchè gli altri due dovrebbero essere...

nurse68 (ospite)
>> leggi
Ancora, sulle false accuse strumentali: http://www.figlipersempre.com/res/site39917/res556062_ARTICOLO_NEUROINF_...

vnd (ospite)
>> leggi
FONTI STATISTICHE DATI EURISPES - 80.000 sono ogni anno gli Italiani che subiscono ingiusta detenzione e 32 milioni di euro di indennizzo nel solo...

vnd (ospite)
>> leggi
E come se non bastasse.. http://www.paternita.info/downloads/sentenze/separazioni-falsedenuncie-v... * PSICOLOGA GIURIDICA, SARA PEZZUOLO Convegno...

vnd (ospite)
>> leggi

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-5634326145375843"
data-ad-slot="3055815640">