Home

Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Boom delle separazioni consensuali, non si parla quasi più di colpa, perchè?

diritti delle donne nel divorzio

Può sembrare un fatto poco importante, invece non lo è. L'attribuzione della "colpa" comporta delle conseguenze molto importanti a livello di diritti economici da parte del coniuge che colpa non ha. La questione economica è determinante per il futuro dei coniugi che si separano e la questione economica può anche costituire un ostacolo per la richiesta della separazione. Visto che in genere la parte debole è la donna...

L'entità e la qualità dei diritti riconosciuti o negati alle donne nella giurisprudenza del matrimonio e del divorzio sono un indicatore della tutela dei diritti delle donne in una società. Infatti, non è un caso che negli Stati in cui si vogliono tenere le donne al giogo, il massimo del controllo viene espresso attraverso la legislazione del matrimonio e del divorzio (un esempio recente in Afghanistan: proposta di legge che di fatto permetterebbe la violenza sessuale nel matrimonio).

Tornando all'Italia, sembra che ci sia un boom di separazioni consensuali: nel 2005 le separazioni consensuali sono state l'85,5% contro il 14,5% di separazioni giudiziali. Le separazioni giudiziali sono state aperte per il 71,7% dalle mogli, nel 25,8% dai mariti, nel 2,5% da entrambi.

Le statistiche ISTAT 2005 ci dicono che nelle situazioni di separazioni giudiziali per intollerabilità della convivenza, la colpa è stata addebitata al marito nel 14,6% dei casi, mentre la colpa è stata addebitata alla moglie nel 3,5% dei casi.

Altro fatto di non poca importanza: sembra che nel settore separazione e divorzi sia attribuito ai giudici un grandissimo potere discrezionale...

Tornando al significato di consensuale farebbe pensare a divorzi pacifici, in amicizia, senza colpe e responsabilità da attribuire. E' davvero così? Cosa può spingere alla separazione e al divorzio consensuali?

3
 
 


Commenti

scrivi commento
Ritratto di Paola71
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Buongiorno, sono sposata, un anno fa ma ne sono andata di casa.
In seguto ho conosciuto una persona che ora vive con me e putroppo dopo aver fatto il cambio di residenza risultiamo sullo stesso stato di famiglia. In comune non hanno compreso la situazione e hanno combinato un pasticcio. Ormai è così. Ora mi marito si è deciso a concedermi la consensuale. Non posso fare altro che dire la verità.
temo mi porti in giudiziale anche se il rapporto con questa persona è nato dopo l'abbandono del tetto coniugale (assolutamnet consensuale lui non mi ha certo fermata).
Io ho lasciato mio marito perche non poteva avere bambini naturalmente, ha rifiutato di proseguire i tentativi con per inseminazione artificiale, ha rifiutato l'addozione e io piano piano ho smesso di amarlo. Mi sono resa conto davvero di non amrlo più in via defintiva dopo essermi innamorata di un'altra persona. Io non possiedo nulla: abbiamo la comunione dei beni ma casa e mobili sono stati comprati prima del matrimonio e tutto è stato acquistato dalla sua famiglia molto facoltosa e tutto è intestato a lui. Io non voglio nulla oltra a saper bene di non aver diritto a nulla....ma vorrei sapere cosa mi aspetta in caso mi porti in giudiziale.
Grazie molte per l'aiuto

 
Ritratto di Tiziana
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Salve mi chiamo Tiziana, 41 anni e mi ritrovo disoccupata a causa del mi ex. Ho perso il lavoro perchè lui si vergognava del mio lavoro e mi ha convinto a lasciarlo promettendomi che mi avrebbe sostenuto e provveduto a me qualora io con il mio nuovo lavoro(che non mi garantisce nulla)non mi trovassi bene. So che ho delle colpe perchè sono una donna matura però lui mi ha convinto e fatto violenza piscologica e ricatti sentimentali dei quali non mi sono potuta tirare indietro(troppo innamorata).Noi non eravamo sposati,dovevamo sposarci questo ottobre.Posso chiedergli danni morali? Mi è venuta la depressione in quanto disoccupata con un figlio a carico..Cosa devo fare? Tra le altre cose ho il sospetto che lui abbia un'altra.Volevo aggiungere un'altra cosa:può lui permettersi di chiamare mio figlio per lamentarsi delle mie continue telefonate minacciandolo di denunciarmi per stalking? Vorrei essere chiara e non essere fraintesa non sono ferita tanto per la fine della storia,ma bensì per essermi ritrovata senza lavoro per colpa di un uomo, e cmq mi prendo le mie responsabilità.. Non voglio essere risarcita voglio solo sapere se ho ragione e se posso denunciarlo per violenze piscologiche..Grazie spero possa rispondermi qualcuno.
Cordiali saluti 
Tiziana

 
Ritratto di anonima
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

salve sono una mamma stanca e disperata 2 mesi fa ho chiesto la separazione a mio marito perche stanca dopo 1 anni di matrimonio di essere trascurata   in tutto e dico tutto anche nellassistenza medica e dopo varie vicende di aggressivita domestica come mobili rotti insulti e mani a dosso nel frattempo ho conosciuto un ragazzo di cui mi sono innamorata ma che non frequento perche lontano chilometri io e la bimba che ha quasi 13 anni abbiamo optato per un trasferimento al sud e lei e felicissima e sicurissima di volermi seguire lui sta cercando di buttare fango su di me dice parole indecenti su di me alla figlia e sta cercando di comprarsela con ogni mezzo..ora non vuole permettere a nostra figlia di venire giu in ferie con me premetto che tre settimane fa mi ha messo le mani a dosso e sono intervenuti i carabinieri e l'ambulanza ma lui nega anche se cè un referto medico e possibile che lui mi possa impedire legalmente di portare giu nostra figlia lontana datutto questo?
 

 
Ritratto di anonima
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

volevo dire 16 anni di matrimonio
 

 
Ritratto di angela
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

se ti maltratta puoi denunciarlo

 
Ritratto di GIUSEPPE
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Salve... sono un uomo in separazione consenzuale... ho una figlia attualmente di 12 anni, quando mi sono separato ne aveva quasi 7.
dopo circa 3 anni da separato consensuale mi sono accorto, rovistando tra le varie carte che avevo, che lei durante il matrimonio ha fatto un aborto a mia insaputa, e che aveva una relazione con un altro uomo... ho trovato dei messaggi che si scrivevano.
ora lei lavora alle poste, e io passo gli alimenti alla bambina soltanto. mi sta dannando l'amina in quando mi chiede sempre di più... lei ora vive con questo uomo già da un anno e mezzo in un altra città a circa 850 km di distanza, quindi immaginate il problema per vedere mia figlia. ora stiamo in causa per il divorzio non consensuale ma giudiziario a mia richiesta.
il mio avvocato ha chisto con memoria un danno di circa 10.000 euro, per quello che ha fatto a mia insaputa, io vorrei chiedere anche che sia per colpa, ma il mio avvocato dice che non possiamo chiederlo in quanto la separazione è stata fatta consensualmente.
cosa mi consigliate?
grazie

 
Ritratto di Monia
 #

Separazione consensuale o giudiziale???

Mio marito ha chiesto la separazione su richiesta di sua madre, perchè io sono straniera,mi ha lasciato la casa coniugale con mio figlio avuto dalla precedente convivenza,  pero il matrimonio e durato poche mesi  , cosa mi consigliate faccio la separazione consensuale o quella giudiziale??

 
Ritratto di Monia
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Buongiorno, volevo un chiarimento in merito ad una questione, sono separata da 5 anni con 2 bimbi, in fase di separazione il giudice scrive che "al momento che il mio ex marito sarà onorato ddalle spese di locazione di un immobile di cui documenterà l'esistenza" paga metà delle spese di mantenimento x i figli. Ho chiesto di avere il contratto di affitto e il suo avvocato mi ha mandato l'estratto conto dove si vede l'importo del bonifico che l'ex marito effettua a sua zia (l'immobile infatti e di sua zia) e scrive " mi permetto di osservare come un contratto di locazione sia valido ed efficace seppur non registrato, in quanto la registrazione rileva esclusivamente a fini fiscali...quindi si ritenga libera di agire giudizialmente. Il mio avvocato dice che non possiamo fare niente, ma non credo che il giudice essendo una persona di legge possa tenere valido quando mi scrive il mio ex... visto che in questi 5 anni lui ha sottratto ben 15 mila euro ai suio figli.... Cosa posso fare posso per risolvere questa faccenda... accontentarmi della sua parola o giuridicalmente lui per dimezzare il mantenimento deve avere un contratto regolarmente registrato.... Mi aiuti a capire.... Grazie

 

 
Ritratto di vnd
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Perché i figli sono con lei?

 
Ritratto di Monia
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Si i figli sono affidati a me. grazie in anticipo per la risposta.

 
Ritratto di vnd
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Le ho chiesto "perché", non "se".

Perchè non sono in affido congiunto?

 

 
Ritratto di monia
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

sono in affido congiunto, ma questo cosa centra, sulla sentenza del giudice c'è scritto che lui dovrà ridurre l'assegno di mantenimento quando sarà onorato delle spese di locazione di un immobile di cui documenterà l'esistenza. e lui non ha un contratto d'affitto regolare come scrive il suo legale.

 
Ritratto di vnd
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

C'entra....

Quando parla di assegno di mantenimento si riferisce agli alimenti o intendeva proprio "mantenimento"?

Sono due cose diverse.

Chi ha chiesto la separazione?

Giusto per avere il quadro completo.

Poi le spiego.

 
Ritratto di monia
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

La separazione l'ho chiesta io, siamo partiti con la separazione giudiziale xk lui voleva vendere la casa e poi si è chiusa in consensuale, per assegno intendo i soldi che versa per i figli.

 
Ritratto di vnd
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Allora le è andata fin troppo bene. Ha i figli, gli alimenti e la casa...

Chieda al suo avvocato.

Se l'avvocato del marito è un bravo divorzista, C'è il rischio che perda sia casa che alimenti.

Ma soprattutto i figli.

In regime di affido congiunto, qualora uno dei due genitori sollevi problemi, i figli vanno dati in affido esclusivo all'altro.

Coi, figli, la casa.

Lei lavora, giusto?

 

 
Ritratto di monia
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Be se è per questo lui avrebbe dovuto perdere i figli già da molto tempo... visto che sono 5 anni che solleva problemi portandomi davanti al giudice e restando con un richiamo dietro l'altro. Io lavoro e ho rifiutato l'assegno di mantenimento che il giudice mi aveva dato. Ma lei non ha risposto alla mia domanda iniziale. Cioè lui sottrae da 5 anni 200 euro al mese ai suoi figli, fingendo di pagare un affitto che lui non ha, ma ha solo dei versamenti a sua zia(proprietaria di 10 appartamenti) senza avere un affitto registrato e il suo avvocato lo scrive apertamente.

 
Ritratto di vnd
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Pedoni il mio cinismo, signora ma... vede.. da un diverso punto di vista, non meno rispettabile del suo, non è suo marito che sottrae da 5 anni, duecento euro ai suoi figli.

Lei gli ha sottratto i figli. Che mi sembra più grave.

Si ritrova una casa, senza meritarla e... adesso non so quanto tampo ha passato insieme a suo marito ma per la sua incapacità di prendere decisioni a lungo termine e assumersene la piane responsabilità, gli anni passati con lei sono tutti anni sprecati.

Tra parendi entro il primo (forse anche il secondo) grado, non servono contratti di locazione.

 

 
Ritratto di vnd
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Si, lo so che abbiamo ancora tanti giudici imbecilli.

Signora... parli col suo avvocato. le separazioni servono proprio a questo.

Secondo me la posizione del suo ex marito è totalmente giustificata.

 

 
Ritratto di maria
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

ciao  io sono separata da quatro anni.ora il mio ex mi ha fatto convoccare dal suo legare x il divorzio.io non posso presentarmi xke non ho i soldi di un legale  x il momento .Posso evitare di presentarmi senza che mi causi  nessun problema con la legge nei miei confronti?? grazie 

 
Ritratto di Ariaora
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Ciao, credo che debba presentarti, anche perché altrimenti non puoi tutelare i tuoi diritti. Verifica se puoi usufruire del gratuito patrocinio (avvocato pagato dallo stato), il tuo reddito annuo imponibile non deve superare 10.628,16; verifica l'importo corrente sul sito del Ministero della Giustiza - gratuito patrocinio (Per la richiesta del patrocinio a spese dello Stato non tutti gli uffici adottano lo stesso modulo. Il ministero propone i moduli disponibili presso alcuni uffici).

C'è anche una discussione aperta nel forum divorzio e separazione.

 
Ritratto di maria
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

IL MIO PROBLEMA E UN PO COMPLESSO .E L'AVISO DELL'AVOCATO MI E ARRIVATO QUATRO GIORNI FA.IO DOVREI PRESENTARMI GIà DOMANI. A COSA VADO INCONTRO?? GRAZIE

 
Ritratto di Ariaora
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

CITAZIONE IN TRIBUNALE REGOLE

ho fatto una ricerca sui termini delle citazioni in tribunale, credo che rispondano tutte alle stesse norme, anche per il divorzio, però non ti so dire, guarda questo link:

http://www.altalex.com/index.php?idnot=33730

"La citazione è nulla se è omesso o risulta assolutamente incerto alcuno dei requisiti stabiliti nei numeri 1) e 2) dell'articolo 163, se manca l'indicazione della data dell'udienza di comparizione, se è stato assegnato un termine a comparire inferiore a quello stabilito dalla legge ovvero se manca l'avvertimento previsto dal numero 7) dell'articolo 163. "

Nel testo si parla di termini, ma non so se può riguardare il tuo caso, se è la prima volta che ricevi la citazione, non so se rientra tutto qui.

 

 
Ritratto di Ariaora
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

????? hai ricevuto l'avviso quattro giorni fa e domani devi presentarti? come è possibile? Mi spiace ma non so aiutarti, dovresti verificare se la procedura è regolare. Il buon senso direbbe di no, ma la legge non segue il buon senso. Intanto, se puoi usufruire del gratuito patrocinio puoi sentire un avvocato della tua zona che aderisce. Oppure qualche associazione che si occupa di tutela dei diritti. Certo i tempi sono stretti.

 
Ritratto di maria
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

infatti non mi sono presentata spero di non andare incontro a problemi.Eposso chiedervi per favore .se dopo aver fatto la consensuale  x colpa, anche senza che sia vero.ma purtroppo ho dovuto stare ferma x questioni finanziarie.ora che chiede il divorzio con le prove dei suoi tradimenti e  maltrat morali e.... posso battermi x avere qualcosa in piu.?? grazie di cuore x l'aiuto

 
Ritratto di Ariaora
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Ti consiglio di approfondire la questione sui termini della citazione che hai ricevuto per il divorzio prima possibile; anche se la citazione con cui sei stata convocata non fosse regolare (come sembra dal link del commento precedente, ma da verificare in modo approfondito per il tuo caso) credo che l'annullamento della citazione non sia automatico (è anche possibile che esista un termine di tempo trascorso il quale non avrai la possibilità di chiedere l'annullamento).

La separazione consensuale esclude qualsiasi discussione sulla "colpa" dei coniugi e dopo la separazione consensuale non si può fare un divorzio giudiziale (resta comunque il problema finanziario, infatti la separazione e il divorzio giudiziale costano non-poco)

 

 
Ritratto di Ale
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

Ciao, io ho 33 anni , mamma di una bimba di 3 anni ed ingegnere. Forse rappresento un caso molto particolare di giurisprudenza in materia di divorzio ed è per questo che non ci sto capendo nulla. Voglio divorziare da mio marito perchè è stato con un'altra, perchè i miei suoceri(soprattutto la madre), ci hanno reso la vita impossibile (è ovvio che lui glielo ha permesso). La sua famiglia è piena di debiti e di problemi e lui se li è accollati a discapito della "nostra di famiglia". Varie volte mi ha alzato le mani mandandomi all'ospedale e si giustifica dicendo che in alcuni casi sono stata io a mollare il primo ceffone( ed io non lo nego e me ne vergogno, ma..se io che peso 50 Kg ti mollo un ceffone , a te che sei alto 1,80 e pesi 90 kg ti faccio il solletico, se poi tu mi riempi di botte ..mi puoi ammazzare).Mi è addirittura venuto un esaurimento nervoso, a causa prima del post parto, vissuto con i suoi familiari di invadenza quasi "da film"(vedi mia suocera che mi apre i cassetti di ogni stanza , la borsa,che dopo una litigata si è messa a dire in giro che sono un'alcolista...etc..) e poi mio marito ha ottenuto un lavoro fuori e mi ha lasciata da sola a casa ad occuparmi della piccola. Adesso io purtroppo "sono costretta" a chiedere il mantenimento, perchè nonstante io abbia studiato tanto ed abbia tanta ma tanta voglia di lavorare( e lo faro' una volta libera), lui non mi ha permesso di affrontare colloqui che non fossero nella mia città, mi ha impedito di lavorare con "altri uomini"(i miei colleghi ingegneri sono tutti maschi.che ci posso fare?). In piu' per me è molto complicato trovare lavoro con la mia bimba sempre con me.Mi ha preso una baby sitter per 5 ore al giorno il pomeriggio ma io ho dovuto lasciare vari lavori perchè richiedevano comunque orari flessibili e comunque, si sa, i bimbi piccoli, soprattutto quando incominciano ad andare all'asilo, si ammalano spesso ed io sono rimasta in casa a volte per settimane, dovendo declinare tanti appuntamenti lavorativi. Insomma, voi uomini parlate tanto dei soldi che NOI DONNE vorremmo spillarvi, ma io invece volevo solo una vita normale, con un lavoro che mi permettesse di far vivere bene me, mia figlia e, credetemi, quando le cose andavano piu' o meno bene tra di noi, se avessi preso un lavoro ben remunerato, avrei pure pensato a tutto io. Perchè desideravo veramente una vita autonoma ed autosufficiente. Non mi ha mai nemmeno piu' permesso di uscire con gli amici ogni tanto (nei limiti di una mamma e moglie ovviamente) e mi controlava pure i vestiti (ed io lo so che è colpa mia che ho accettato tutte queste cose, ma vengo da una brutta separazione tra i miei e mio padre non c'è piu' ed io ho sofferto molto comunque la separazione da piccola. quindi non volevo mia figlia passasse altrettante esperienze).E adesso lui ed i miei suoceri vogliono una giudiziale perchè vogliono la bambina il piu' spesso possibile e si stanno inventando miei fasulli tradimenti, malattie mentali, alcolismo( una volta sono uscita con mio marito ed ho alzato un po' il gomito a ballare...anche a lui è successo varie volte..credo non sia segno di alcolismo..) e persino di avere relazioni lescbiche (mia suocera questo..). Come devo fare??Aiutatemi. Mi faranno impazzire. E la crisi non mi aiuta. Non trovo lavoro. Grazie per avermi permesso questo sfogo.

 
Ritratto di Cassiodoro
 #

Re: Diritti delle donne, separazione e divorzio per colpa

"Cosa può spingere alla separazione e al divorzio consensuali?"

Per gli uomini in ordine:

1) i consigli dell'avvocato... "E' un accordo giusto ....hai tutto da perdere ad andare in giudiziale..."

2) sperando che non andando in causa la linea della madre sarà più morbida

3) la consapevolezza che con una giudiziale può andare peggio

4) la fretta di separarsi

Per le donne:

1) lui ha accettato tutto quello che ho proposto.

"Cosa può spingere alla separazione e al divorzio giudiziale?"

Per gli uomiini in ordine:

1) voler continuare a mantenere un ruolo genitoriale

2) non cedere al sistema

3) avere soldi da buttare

4) l'ignoranza in fatto di separazione e divorzi

5) l'illusione di potergliela "fare pagare", o quanto meno di trovare "giustizia" in tribunale

 

Per le donne:

1) lui non ha accettato tutto quello che ho proposto, tanto sono sicura che il tribunale mi darà ancora di più.

 

 
Ritratto di vnd
 #

Se le donne vogliono la

Se le donne vogliono la parità devono imparare a rinunciare ai loro privilegi.
Basta con l'assegno di mantenimento. Basta con gli alimenti.
Affido congiunto dei figli che restano nella casa e padre e madre si danno il cambio, in periodi uguali.
Col padre, i figli terranno il tenore di vita del padre, con la madre, quello della madre.
Possibilità, per il padre, di disconoscere i figli non genetici riconosciuti, a causa del plagio esercitato dalla loro madre, in virtù di un rapporto conclusosi.

 
Ritratto di DP DonnaPratica
 #

Mantenimento coniuge economicamente debole

La legge prevede il mantenimento per il coniuge economicamente più debole senza fare alcuna distinzione di sesso.

Il matrimonio è un contratto che regolamenta il funzionamento e l'eventuale scioglimento di una "società" matrimoniale costituita da una coppia che mette insieme le proprie risorse patrimoniali, fisiche, intellettive, emotive, affettive (anche con separazione dei beni patrimoniali posseduti in precedenza all'unione in società).

 
Ritratto di Cassiodoro
 #

Re: Mantenimento coniuge economicamente debole

E allora perchè l'ha intitolato "Diritti delle donne"??????

Secondo le sue teorie, i "diritti delle donne" si vedono dalle leggi sul matrimonio e divorzio, ( e sul controllo delle nascite), ne dobbiamo dedurre che, dall'applicazione delle leggi italiane, quelli degli uomini non esistono o non vengono presi in considerazione di fronte a quelli ritenuti " privilegi delle donne"

 
Ritratto di vnd1
 #

Penso che sia per questo che le furbastre

Penso che sia proprio per questo che le furbastre sposano sempre qualcuno che ha più soldi di loro.
Sempre che le loro bellezza lo consenta.

Siamo seri!
E' ora di finirla, no?

 
Ritratto di maria
 #

E' proprio perchè i

E' proprio perchè i porcelloni cercano le belle con meno soldi da esibire come trofei!

Ben gli sta ai porcellioni

 
Ritratto di vnd1
 #

Ma noi educheremo le folle a

Ma noi educheremo le folle a non sposarsi più e il problema si risolverà automaticamente.
I porcelloni potranno liberamente trastullarsi con donne giovani e belle, come è giusto, e le mignotte furbastre se vorranno un vitalizio si cercheranno un lavoro, come fanno tutti.
Giusto?

 
Ritratto di anonima/o
 #

maiali frustrati

"I porcelloni potranno liberamente trastullarsi con donne giovani e belle, come è giusto"

ahahahahaha, maiali frustrati

 
Ritratto di sergio
 #

Re: maiali frustrati

 ma anche così le donne potranno sposare vecchi ricchi e farsi impregnare per poi farsi campare a vita.

grandisssime tr... speculatrici

 
Ritratto di vnd
 #

Ahahahahahah.... Il che mi

Ahahahahahah....
Il che mi autorizza a dichiarare che le ex-mogli nullafacenti e mantenute sono puttane frustrate.
Puoi confermare?

 
Ritratto di anonima/o
 #

divorzio per colpa

ciao sono una donna di 50 anni e da 3 anni sono separata a causa di un tradimento del mio
ex marito che nel tempo in cui stavamo ancora assieme ha avuto un figlio da un altra donna la mia domanda e avendo fatto la separazione consensuale sono ancora in tempo per chiedere il divorzio per colpa in attesa di una risposta vi ringrazio

 
Ritratto di manuela
 #

LE PALLE DEGLI AVVOCATI

a me aveva detto un avvocato-donna che la "giurisprudenza" non dà più il divorzio "per colpa". Mi aveva raccontato che NON ESISTE PIU.
A dire il vero mi era anche stato detto da un altro avvocato-donna quando mi stavo separando, che avrei dovuto dare al mio ex marito da portarsi via il 50% dell'arredamento. Totalmente falso: la casa e l'arredamento restano al genitore affidatario.

 
Ritratto di Ariaora
 #

da consensuale a giudiziale

ciao, in genere la separazione consensuale non si può trasformare in giudiziale e dalla separazione consensuale non si può passare al divorzio giudiziale. Per questo la scelta tra separazione consensuale o separazione giudiziale dovrebbe essere valutata con molta attenzione.

Una sentenza della Cassazione, la n.7450/2008, ha stabilito che se la separazione è stata ottenuta con menzogne e raggiri può essere annullata. Mi sembra che in alcuni casi particolari potrebbe essere possibile la giudiziale se la riconciliazione non avviene anche a causa di violazioni dei doveri che persistono durante la separazione. Sono questioni complesse prova a consultare anche più di un avvocato.

 
Ritratto di nicoletta
 #

udienza modifiche assegno mantenimento....

il mio ex marito ha presentato ricorso ex art 156 VII comma c.c. art 710 cpc per modificare il provvedimento relativo all'assegno di mantenimento che -di fatto- non ha mai versato ne a me ne a nostra figlia. io non ho le possibilità economiche per prendere un'avvocato che mi rappresenti... all'udienza di convocazione delle parti posso presentarmi da sola o il giudice e la legge non lo permettono? esiste la possibilità di avere un legale col gratuito patrocinio?
l'udienza ci sarà il 27 ottobre!!!!
grazie....

 
Ritratto di Ariaora
 #

gratuito patrocinio

Purtroppo il problema degli elevati costi della giustizia è una contraddizione in termini al concetto di pari opportunità (art.3 Costituzione Repubblica Italiana). Per sapere se puoi usufruire del patrocinio gratuito devi confrontare il tuo reddito con il limite previsto dalla legge che varia ogni anno.

Tutti i dettagli sul patrocinio gratuito li trovi sul sito del ministero della giustizia: gratuito patrocinio. Attualmente il reddito imponibile massimo per accedere al gratuito patrocinio è 10.628,16 euro.

Penso che tu non possa difenderti da sola, senza avvocato; e purtroppo non è così facile districarsi da soli tra volumi enormi di leggi, modifiche e sentenze. E' comunque necessario studiare le leggi per difendersi dagli eventuali "azzecca-garbugli" che potresti incontrare.

 
Ritratto di moni
 #

rimarrò per strada?

salve,sono una ragazza di 25 anni,sposata con un uomo molto piu grande,ma ciò non mi ha impedito di volerlo bene,molto.Io ho una bambina,non e sua figlia ma l'ha riconosciuta,gli ha dato il suo cognome quando ci siamo sposati.Adesso però,non andiamo piu d'accordo,e vorrei chiedere il divorzio,ma ho paura di rimanere senza una casa.La mia domanda è:una volta divorziati,potrò avere il mantenimento sia per me che per mia figlia,che ovviamente verrà con me,oppure rimarrò per strada?Vi ringrazio in anticipo....

 
Ritratto di vnd
 #

Si direbbe che dalla strada

Si direbbe che dalla strada sei arrivata... nella strada tornerai...
Dove sta il problema?
se ti sei stancata del coglione che ti ha sposato, non vedo perché non ti sia stancata anche dei suoi soldi.
Il tuo è il caso che porto sempre ad esempio quando sostengo che è il caso di prevedere una legge che consenta il disconoscimento dei figli riconosciuti in forza di una relazione che si è conclusa.

 
Ritratto di anonima/o
 #

risposta a di moni marzo 31/08/2010

ciao moni allora e per questo che hai sposato un uomo piu' grande di te....perche' ti ha dato la tranquillita' economica e un tetto sulla testa...ha riconosciuto pure una figlia non sua...certo che a questo poveretto l'hai sfruttato proprio bene!ed hai anche la faccia di chiedere come farai se ti separi adesso che non ci vai piu' d'accordo????ma che ti sembrano gli uomini usa e getta e poi fare l'impossibile per continuare a farti stare bene dopo averlo preso in giro in tutti i sensi???e i sentimenti di quella persona???e la tua umanita' dov'e'?mi dispiace ma ti devi vergognare finche' morirai...non sono un uomo ma una donna....e da donna non condivido tutto il male che fate agli uomini ingiustamente...ti devi vergognare!!!!se fossi io la legge italiana da donna ti butterei in mezzo alla strada!

 
Ritratto di meddy
 #

certo!!! anonima/o!!! perchè

certo!!! anonima/o!!! perchè del signore più grande che sposa la donna molto più giovane non hai niente da direee??? verooo?? lui per amore, chiaro eh, ma tu che ne sai??? li conosci???

 
Ritratto di vnd
 #

Esiste una legge che

Esiste una legge che impedisca di mettersi con una donna più giovane per semplice attrazione sessuale?
Uno ci sta insieme e la mantiene.
Quando tutto finisce, ognuno per la sua strada e amici come prima...
Non è che chi va con una prostituta una volta, poi debba per forza pagare l'abbonamento vita natural durante...

 
Ritratto di Anonimo
 #

AIUTO!!!! Ciao. Sono una

AIUTO!!!!
Ciao.
Sono una donna di 38 anni e vivo in svizzera ma cittadina Italiana sono stata sposata con un carabiniere italiano ed ho avuto una bambina,adesso siamo separati ed ho iniziato la procedura di divorzio in svizzera.Il tribunale svizzero a riconusciuto la causa e sta procedendo ma nel frattempo il mio ex e andato al tribunale di Belluno e a chiesto il divorzio la e il giudice a accettato la richiesta ignorando quella svizzera.
Sara stata accettata perche e un carabiniere?
Cosa posso fare?

 
 

 

 

 

Invia nuovo commento

Your first name. N.B. Se sei una persona lascia il codice intatto.

Opzionale - se vuoi ricevere le notifiche delle risposte inserisci un indirizzo email valido e seleziona le opzioni di ricezione che trovi sotto il commento. N.B. l'indirizzo email è sempre privato e non verrà mostrato pubblicamente.

CAPTCHA
Questa domanda serve per verificare che non sei uno spam-bot. Non c'è distinzione tra maiuscole e minuscole.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.

Segnala questa pagina

Vota questa pagina

3
 
 

Ultimi commenti

Buongiorno, sono sposata, un anno fa ma ne sono andata di casa. In seguto ho conosciuto una persona che ora vive con me e putroppo dopo aver fatto il...

Paola71 (ospite)
>> leggi
Salve mi chiamo Tiziana, 41 anni e mi ritrovo disoccupata a causa del mi ex. Ho perso il lavoro perchè lui si vergognava del mio lavoro e mi...

Tiziana (ospite)
>> leggi
se ti maltratta puoi denunciarlo

angela (ospite)
>> leggi
volevo dire 16 anni di matrimonio  

anonima (ospite)
>> leggi

Più votati - ultimi voti

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-5634326145375843"
data-ad-slot="3055815640">