Home

Violenza sulle donne e musica, ti amo o ti ammazzo

I cantanti per i giovani sono miti e diventano modelli di riferimento. Cantano le loro canzoni, ripetono i loro messaggi fino a farli propri. A sentire certe canzoni nasce una certa preoccupazione.

musica e violenza giovani

Il problema della violenza giovanile si aggrava sempre di più, fatti di cronaca dipingono un inquietante presente di giovani violenti (futuri adulti con le stesse caratteristiche).

Mi chiedo se i maschi sono violenti per predisposizione genetica o per influenze culturali. Poi mi capita di sentire certi brani musicali. Titolo della canzone: "Ti amo o ti ammazzo", cantante J-Ax. Dopo aver ascoltato questo brano ho provato un'immensa tristezza e anche una certa preoccupazione. Mi chiedo quale influenza possano avere sui giovani e sui bambini certe "canzoni"... Questi cantanti diventano per i giovani dei miti da imitare, ripetono le loro frasi, i loro messaggi fino a farli propri, da questo ne consegue molta preoccupazione.

Attenzione agli mp3 che i vostri figli ascoltano con le cuffiette e il loro iPod, non basta controllare cosa guardano alla Tv, il pericolo per la loro formazione arriva anche dai messaggi diffusi tramite le canzoni.

Ecco il testo e sotto il video. Da notare, alla fine del video, il commento della presentatrice (donna!) che definisce il testo della canzone..."Ti amo o ti ammazzo"... originalissimo (!?) e poi passa ad interessantissimi... commenti sulla capigliatura di JAX

Ti amo o ti ammazzo

Ho urlato così tanto che mi scoppia la testa,
e quindi te ne sei andata subito,
mi esce un po' di sangue dalla mano destra,
c'è un segno lì sul muro, pensa te che stupido,

O ti amo o ti ammazzo,
pioggia che annega ma rinfresca,
sei una chicca che mi fotte la testa,
o ti amo o ti ammazzo,
il tuo ragazzo è pazzo,
o parliamo o ci pestiamo scegli uno,
o ti amo o ti ammazzo,
ti amo ti ammazzo
,

comunque qua in mezzo non capisco più,
un calcio al muro sbatti la porta via dai miei pensieri,
butto la borsa dalla finestra come zarri veri,
grida grida fino a che un ghisa chiama i carabinieri,
non sei la stessa tipa con cui ho dormito ieri,
cos'hai sei annoiata, hai la luna girata,
io a inizio giornata,
non voglio nessuna menata,
femmina fino in fondo tu hai il problema,
io sono lo stronzo,
ti dico che non ti ho dentro, mento e penso

O ti amo o ti ammazzo,
pioggia che annega ma rinfresca,
sei una chicca che mi fotte la testa,
o ti amo o ti ammazzo,
il tuo ragazzo è pazzo,
o parliamo o ci pestiamo scegli uno,

o ti amo o ti ammazzo,
pioggia che annega ma rinfresca,
sei una chicca che mi fotte la testa,
o ti amo o ti ammazzo,
il tuo ragazzo è pazzo,

non sa più quello che fa ma tu…
La mia preferita per sempre resterai,
però mia amica non lo saresti mai,
noi non vogliamo saluti o buri o un altro numero in rubrica,
noi vogliamo la carne, le labbra,
poi sento le chiavi nella serratura,
e mi rassegno al fatto che io in questa vita:
O ti amo o ti ammazzo,

pioggia che annega ma rinfresca,
sei una chicca che mi fotte la testa,
o ti amo o ti ammazzo,
il tuo ragazzo è pazzo,
o parliamo o ci pestiamo scegli uno,
o ti amo o ti ammazzo,
pioggia che annega ma rinfresca,
sei una chicca che mi fotte la testa,
o ti amo o ti ammazzo,
il tuo ragazzo è pazzo.
Ti amo ti ammazzo,
ti amo ti ammazzo,

comunque qua in mezzo non capisco più,
perché non è finita ancora,
non è finita….

=======================

AGGIORNAMENTO 24/02/2010

CENSURA: il video linkato è stato cancellato su richiesta della Sony per violazione di copyright, peccato... c'era il commento della conduttrice radiofonica donna, sotto vi rimetto il video cosi ve lo potete guardare

 

in compenso una radiofonica risata collettiva a radio DJ sulla frase sangue sulla mano destra

3
 
 


Commenti

scrivi commento
Ritratto di MartinaM.
 #

Re: Violenza sulle donne e musica, ti amo o ti ammazzo

Mi sto profondamente vergognando d'esser donna. La tristezza immensa sale a me leggendo quest'articolo, altro che a voi sentendo questo brano.
Mai sentito "leggere andando oltre le righe"? Mai sentito parlare di "ALLEGORIA"?
"Ti amo o ti ammazzo" non si deve intendere nel senso di "Ti amo o ti tolgo la vita". J-AX ci vuole spiegare nella sua canzone che non esistono mezze misure nella relazione che ci descrive: o si amano (che può intendersi anche come un semplice "o si vogliono bene" e dunque escono insieme e condividono qualcosa) o non si frequentano.
Prima di puntare il dito su J-AX o su un qualsiasi altro artista dichiarandolo "incitatore di violenza" fatevi una cultura.
"NON IMPORTA SE MODELLE O COMMESSE, CERTE DONNE SI FARANNO GIOCO DI TE. TRATTALE TUTTE DA PRINCIPESSE E SARAI UN RE" (I consigli di un pirla) questa frase è di una canzone degli Articolo 31, gruppo di cui ha fatto parte J-ax ( e con i quali, tra l'altro, ha scritto "Ti amo o ti ammazzo" ) quindi è possibile attriburgli qualsiasi connotativo negativo ma di certo non è un personaggio che incita alla violenza, in particolare a quella che vedono le donne vittime.
E se non siete in grado di commentare correttamente il modo di scrivere di questi personaggi non fatelo, perchè sminuite l'intelligenza caratterizzante il sesso femminile.
 

 
Ritratto di SFrancesco
 #

Re: Violenza sulle donne e musica, ti amo o ti ammazzo

Mi chiedo se prima di scrivere stronzate ci pensi o lo hai fatto per il puro scopo di fare scoop (inutile)
Son cresciuto con questa canzone tra l'altro una delle mie preferite e non ho mai ammazzato nessuna ragazza, il senso di sta Canzone non è se non ti amo ti ammazzo di botte o violenze ma ben altro! al posto di scrivere "controllate le cuffiette e i programmi in Tv" pensa a non scrivere vaccate, e a osservare i veri problemi perché gran parte delle violenze sulle donne avvengono anche a causa di genitori che picchiano i figli o per altre cause di certo non per una canzone come questa e altre canzoni o per i programmi in Tv. E preferisco di gran lunga far crescere i miei figli con J AX e con dragonball che con hello kitty o pappa pig.

 
Ritratto di VERGOGNA
 #

Re: Violenza sulle donne e musica, ti amo o ti ammazzo

MA VERGOGNATEVI E FATEVI UNA VITA SOCIALE INVECE DI DIRE CAZZATE... SCOPATE DI PIU!!!

 
Ritratto di anonima/o
 #

Fantastico, un sito di

Fantastico, un sito di femminismo a buon mercato. Se ne sentiva la mancanza.

Ps: esser meno baciapile, in linea di massima, aiuta.

 
Ritratto di DP DonnaPratica
 #

A buon mercato?

Ciao, cosa intendi dire con "a buon mercato"? Puoi illustrare cosa vuoi dire con "essere meno baciapile"?

---

Sito web libero, indipendente, apartitico, laico. Per una vita vivibile e per l'abolizione di ogni genere di dittatura e prevaricazione.

 
Ritratto di riccardo
 #

ho 18 anni, ho fatto periodi

ho 18 anni, ho fatto periodi ad ascoltare gente come j ax o fabri fibra, guardare film horror, porno e compagnia bella(anche in età piuttosto giovane). Posso assicurare che non picchio la mia ragazza.

D'altra parte vedendo un giovane influenzato tanto da una canzone, l'ultima cosa che mi viene da pensare è che il problema stia nella canzone. secondo me il problema serio è nel giovane, e nelle istituzioni(famiglia, scuola, cchiesa,..) che sono state incapaci di fornirlo di principi e quindi di un pensiero critico efficace.L'educazione ,per molti, si limita a tanti si fa e non si fa, che durante l'adolescenza vengono fatalmente rigettati e allora vedi genitori disperati che si chiedono dove hanno sbagliato.Hanno sbagliato nel trascurare lo sviluppo critico del pensiero del figlio, mentre erano tutti occupati nell utopistico proposito di isolarli da contenuti considerati inappropriati.

personalmente ho sempre apprezzato questi generi alternativi(a partire dalla seconda media circa), ma certo non mi sono mai sognato di assumerli come modelli di vita reale. secondo me il punto è che la società attuale si occupa sempre meno della qualità dell' individuo, del pensiero, soprattutto la scuola che sembra sempre piu incentrata sulla formazione e non sull'educazione; certo pensare e insegnare a pensare costa fatica ed è fuori moda quindi alla fine ce la si prende con i cantanti.

 
Ritratto di DP DonnaPratica
 #

Il tuo ragionamento è in

Il tuo ragionamento è in parte condivisibile. Viviamo in un sistema sociale complesso, ma anche le canzoni influiscono sulla formazione di persone molto giovani. Per andare sul concreto pongo due interrogativi:

1 - come è possibile che in molti sostengono che "ti amo o ti ammazzo" è una canzone d'amore identificando una minaccia di morte con un sentimento d'amore?

2 - perché nel video di radio DJ (al secondo 15) quando nel canto live di gruppo dicono "mi esce un po' di sangue dalla mano destra" gridano vittoriosi e ridono? e perchè continuano a ridere mentre cantano "ti amo o ti ammazzo"?

 
Ritratto di Giuliana
 #

Sai, mi piacciono le canzoni

Sai, mi piacciono le canzoni di j-ax e riesco ad essere femminista allo stesso tempo...credo che non si debba nè esagerare con il femminismo nè fraintendee canzoni. questa è la storia di un amore sofferto,litigioo, che va contro ogni regola morale ma che ha lo stesso il diritto di chiamarsi amore. j-ax l'ha scritta dopo avere litigato con la sua fidanzata (attuale moglie) e non voleva assolutamente dire o insinuare "uso violenza su di te ke sei donna" ma semplicemente esternare una condizione d'animo che, credimi , logoa l'animo sino in fondo. A certe persone non puoi volere bene, essergli indifferenti o considerarle antipatiche... certe persone o le ami o le ammazzi sul serio......

 
Ritratto di DP DonnaPratica
 #

Non so cosa intendi per

Non so cosa intendi per "femminismo". Non faccio nessun riferimento a regole morali. La tua conclusione mi lascia ancora più perplessa. Come si può confondere una minaccia di morte con un sentimento d'amore?

 
Ritratto di daniele
 #

ahahaha che cazzata de

ahahaha che cazzata de articolo...j-ax è un genio e quello che dice lo hanno passato tutti e poi non me pare che la canzone istiga le persone a violentà le donne...anzi me sembra na canzone do se vedono coppie e non uomini che stuprano donne e se le scopano

 
Ritratto di Matt
 #

AHAHAH Ho letto questo

AHAHAH Ho letto questo "articolo" ( :S ) e non ho potuto fare a meno di ridere!!
E' ridicolo quello che c'è scritto:
1° perchè è evidentemente un' esagerazione, un paradosso quel "ti ammazzo";
2° perchè se ti informassi un po' di più su J-Ax saresti anche a conoscenza di una sua canzone (quando era ancora con gli Articolo 31) che si intitola "La mia ragazza mena";ora (se lo reputi necessario vai a leggerti il testo) secondo quello che hai scritto, quest' altra canzone istigherebbe le donne a picchiare i maschi...
Io ho sempre appoggiato il femminismo e sono sempre stato per le pari opportunità, ma qui siamo scesi veramente nel ridicolo e nel patetico...pensa alle vere lotte, quelle importanti e appunto VERE invece di essere così superficiale e fantasticare sul testo di queste canzoni...

 
Ritratto di paolo1984
 #

Ricordate la canzone di

Ricordate la canzone di Fabrizio De Andrè "La ballata dell'amore cieco"? Parlava (senza metafore) di un uomo che, per amore di una donna, arrivava ad uccidere la propria madre e a strapparle il cuore dal petto. Quindi si vorrebbe censurare anche De Andrè perchè istiga i figli ad ammazzare mamma? Ma non diciamo eresie!! L'arte è arte, può non piacere, può essere contestata, ma non dobbiamo cascare in tentazioni censorie.
Nel video di J.Ax si vedono coppie che litigano, ma anche coppie che fanno l'amore, finisce con lo stesso JAx che abbraccia una ragazza e la bacia a significare che il "ti amo" ha vinto sul "ti ammazzo" che comunque non va' inteso in senso letterale. Se si ascolta la canzone senza pregiudizi ci si rende conto che si parla di un rapporto di coppia burrascoso (se c'è violenza è reciproca: "ci parliamo ci pestiamo" il noi indica reciprocità, non che questo giustifichi la violenza), ma dove l'amore e la passione trionfano. Ed è infatti così che la stragrande maggioranza delle ragazze l'ha interpretata: una dichiarazione d'amore sui generis: "noi non vogliamo saluti o auguri o un altro numero in rubrica,
noi vogliamo la carne, le labbra, " anche qui il noi indica reciprocità vuol dire che il nostro rapporto non è smielato, è una sfida appassionata, calda e continua, una sfida assolutamente paritaria e reciproca ed è eccitante proprio per questo.
Le canzoni, così come le poesie, vanno lette al di là del senso letterale. e ricordiamoci sopratutto che le opere d'arte non possono e non devono obbedire a canoni morali altrimenti dovremmo censurare anche il Padrino solo perchè l'eroe positivo Don Corleone è un mafioso.

 
Ritratto di DP DonnaPratica
 #

Nella canzone che hai citato

Nella canzone che hai citato "La ballata dell'amore cieco", De Andrè definisce quell'amore, appunto, *cieco*. Colui che è preso dall'amare "perdutamente" è cieco, non vede la realtà della violenza che gli fa compiere ciò che considera amore, ma che alla fine è dipendenza psicologica, quasi una droga, infatti si uccide con un sorriso che sgomenta. De Andrè dà quindi un'accezione negativa della violenza compiuta con la suggestione dell'amore perduto. L'accezione negativa è anche nell'amata che "non lo ama per niente" e quindi chiede a lui di compiere violenze ma alla fine rimane con niente, solo sangue secco. L'accezione negativa manca invece nella canzone intitolata "ti amo o ti ammazzo", inoltre non c'è nessuna componente surreale che farebbe intenderla come frustrazione solo immaginata. Il pugno fasciato, il picchiare sul muro sembra essere motivo di orgoglio, degno di un un vero figo. La tua stessa interpretazione che assimila la violenza con la passione denota che non c'è accezione negativa della violenza.

Inoltre, preciso che non ho mai parlato di necessità censoree, sono contro ogni forma di censura. Tuttavia, quando uno scritto, una canzone, o qualsiasi opera è diretta ad un pubblico molto *giovane* che può avere molti limiti nella capacita di comprendere e interpretare eventuali metafore di un testo e quindi si limiterebbe ad assorbirne il senso letterale, ritengo che sia necessaria molta cautela (sia da parte degli autori) che dei genitori che non dovrebbero sottovalutare l'influenza che potrebbero avere le canzoni nella loro formazione.

 
Ritratto di paolo1984
 #

Veramente nella canzone di De

Veramente nella canzone di De Andrè non vedo accezioni negative o positive. De Andrè in questa canzone non esprime giudizi. Nella ballata traspare solo tanta umana simpatia e pietà per l'uomo che alla fine "muore contento e innamorato" e anche la donna che l'aveva indotto al matricidio e al suicidio e si ritrova solo col "sangue secco delle sue vene" non viene giudicata in nessun modo.
A Faber interessano solo le passioni umane dei due personaggi (l'amore cieco e assoluto di lui, la vanità di lei), i giudizi li lascia a noi.
Mi fa piacere sapere che sei contro ogni forma di censura. Ovviamente sono d'accordo. Mi premeva fissare il principio che l'arte non si censura mai anche quando la troviamo discutibile.
Sottolineo solo che ho detto che la violenza nella coppia è sempre sbagliata anche se reciproca, ma questa è per l'appunto una valutazione morale che con l'arte non c'entra per niente.
Quanto ai giovani...bè se picchiano la loro ragazza non lo fanno certo perchè hanno sentito J.Ax. Lo fanno perchè sono stronzi e immaturi, perchè non hanno imparato a trattare l'altra persona come un fine e non come un mezzo (Kant docet) e insegnare la parità fra uomo e donna e il rispetto reciproco è compito della famiglia e della scuola, non certo dei cantanti.

 
Ritratto di DP DonnaPratica
 #

Non sono d'accordo con te.

Non sono d'accordo con te.
Nella canzone di De Andrè le accezioni negative riguardo gli atti violenti ci sono, e parecchie, e c'è anche il giudizio: AMORE CIECO, ORRORE, PAZZO, fredda VANITA', SGOMENTO, NIENTE ERA RESTATO
1) "amore CIECO", di chi non vede lo sbaglio che fa eseguendo gli atti violenti pretesi 2)De Andrè definisce quegli atti orrendi: "non le bastava quell'ORRORE voleva un'altra prova dell'amore cieco" 3)corre da lei compiendo l'ennesimo atto orrendo, ma De Andrè lo classifica con il termine "pazzo" (giudica) 4)definisce la vanità "fredda" e dice che alla fine non resta nulla di tanto odio e violenza. --- in sintesi lui che ha compiuto l'orrore esce come uno sfigato allucinato e defunto e lei come fredda vanitosa a cui resta il niente
=========
Tornando al discorso iniziale, la violenza non è mai giustificabile nè dovrebbe essere trasmessa come valore per sentirsi "fighi", non è questione sessista.
Le canzoni hanno grande influenza sulla formazione dei giovani. Non credo affatto che i giovani siano violenti perchè sono stronzi, ma esclusivamente perchè ricevono continuamente input alla violenza e alla sopraffazione del più debole oltre che alla necessita di fare parte di qualche "branco".
Ti pare che ho attribuito l'origine di tutto a J-ax? non mi pare proprio! è solo un esempio.
========

 
Ritratto di paolo1984
 #

Sulla tua interpretazione

Sulla tua interpretazione della canzone di Faber niente da dire,l'arte è bella perchè ognuno la interpreta in base alla propria sensibilità.
Il tuo dare la colpa della violenza alle canzoni (e poi a cos'altro? Ai film della serie Venerdì 13?) mi sembra deresponsabilizzante verso l'individuo: immagina se un serial-killer tentasse di evitare il carcere dicendo: "Non è colpa mia! Ho visto troppi film violenti! E' colpa loro! Non mettetemi in carcere! Arrestate Wes Craven (è il creatore di Freddy Krueger) e Quentin Tarantino! cosa penseresti di una simile "linea di difesa"?
Personalmente io sono uno di quelli che pensano che se uccidi, se stupri la colpa è tua, se sei sano di mente vai in galera, se sei pazzo sarai curato in entrambi i casi stai rinchiuso.
Per quanto mi riguarda ho 25 anni e da quando avevo 16-17 anni avrò visto non so quanti film dell'orrore, ho perso il conto delle immagini violente che ho visto al cinema. Adoro Quentin Tarantino, ho divorato i romanzi horror di Stephen King e come me li leggono tantissime persone anche giovani, solo per questo dovrei sentirmi un potenziale criminale?
Se pretendi che l'arte impartisca lezioni di moralità ai giovani, rimarrai delusa ed è bene che sia così perchè dare lezioni di morale non è compito degli artisti.

 
Ritratto di DP DonnaPratica
 #

Mai scritto che l'influenza

Mai scritto che l'influenza mediatica alla violenza libera dalle responsabilità personali! Ogni persona, artista o no, può decidere di comunicare ciò che vuole, e ogni persona può decidere quale arte guardare, leggere, ascoltare. Ognuno decide come vivere e quali azioni compiere ed è responsabile per sé. Tuttavia, per fare in modo che le scelte siano consce e consapevoli ci vuole un'età adeguata (per questo si usa il divieto ai minori di anni ... o i bollini rossi in tv). La tendenza giovanile all'emulazione non è certo una mia scoperta. Ho solo fatto un esempio di canzone colma di violenza e rivolta ad un pubblico molto, ma molto, giovane. Il fatto che "ti amo o ti ammazzo" sia considerata una canzone d'amore, anche dalle ragazzine (fan del cantante), è preoccupante. ==== Queste ragazzine riterranno, l'amore di uno strafigo, la medesima dichiarazione del loro ragazzo, fidanzato, marito se le dirà: "Ti amo o ti ammazzo"? o lo denunceranno? ==== E' indicativo di come la frequente esposizione, in giovane età, ad input violenti desensibilizzi alla percezione della violenza stessa, anche tra le vittime (la violenza non è mai amore, non è questione di interpretazioni!). Le parole hanno un significato oggettivo. Se De Andrè dice che un'azione è ORRIBILE, non c'è niente da interpretare, lui gli attribuisce una connotazione negativa - tenendo conto del significato della parola orribile - e non è certo un motivo per sentirsi un "figo".

 
Ritratto di paolo1984
 #

Se tutto si riduce ala

Se tutto si riduce ala questione del vietare ai minori contenuti violenti allora sono d'accordo. Io volevo fare un discorso un po' più ampio sulla moralità e la non moralità dell'arte.
E poi continuo ad avere l'impressioni che ti concentri troppo sul senso letterale, a me pare evidente che J.Ax nella canzone ama la sua ragazza e ama anche quel rapporto così "litigarello" che ha con lei e non ha alcuna reale intenzione di ucciderla.
E penso che lo capisca anche la stragrande maggioranza dei giovani che l'ascolta. Poi posso sbagliare, ma sinceramente non credo di sbagliare.
Quante volte noi nella vita quotidiana diciamo ai nostri amici, al marito, alla moglie "Non ci provare o ti uccido", ma ovviamente è un'iperbole, non abbiamo intenzione di uccidere. Quante volte un figlio che ha disobbedito ai genitori dice "Se i miei lo scoprono, mi ammazzano!" ma ovviamente anche questa è un'iperbole.
Certo che ci sono tanti delitti in famiglia, ma se tutti quelli che dicono "ti ammazzo" a qualcuno lo facessero sul serio..bè la Terra sarebbe deserta, non credi?

 
Ritratto di DP DonnaPratica
 #

Purtroppo non è come dici tu.

Purtroppo non è come dici tu. Molte persone quando dicono "ti uccido" poi lo fanno davvero! e le vittime sono prevalentemente donne:

Violenza sulle donne, 7 milioni di donne vittime

 
Ritratto di paolo1984
 #

Ma non era mia intenzione

Ma non era mia intenzione negare la violenza sulle donne! Lo considero un problema gravissimo. Forse non è chiaro, ma io sono un ammiratore del movimento di emancipazione della donna, sono assolutamente solidale con la vostra causa quindi le mie critiche sono amichevoli. Se stiamo a preoccuparci di canzoni che evidentemente usano iperboli rischiamo di andare fuori strada.
Mi ricordi quelle associazioni gay che se la prendevano con Eminem per i testi di certe sue canzoni come se l'omofobia fosse quella! Lui comunque cantò con Elton John (che dichiarò di apprezzarlo artisticamente) e tutto si risolse.
Sinceramente non credo che J.Ax sia un misogino maschilista.
Il rap e l'hip-hop, è vero, sono mondi musicali un po' "macho", ma il problema non è lì, il nemico da battere è un altro anzi sono due: la triade reazionaria Dio (di qualunque religione sia) Patria e Famiglia da un lato e la mentalità patriarcale (che contagia purtroppo anche le donne) che considera il corpo femminile una merce di scambio.

 
Ritratto di paolo1984
 #

Infatti anche la necessità di

Infatti anche la necessità di far parte di un "branco" è un modo per deresponsabilizzarsi. Una necessità che io non ho mai sentito, i "branchi" non mi sono mai piaciuti e credimi io non sono per niente superiore a qualunque altro ragazzo.
Il fatto è che proprio perchè credo fermamente nella libertà individuale credo anche nella responsabilità dell'individuo davanti alla società. Questo non significa che nel giudicare un assassino o uno stupratore bisogna trascurare l'ambiente sociale in cui è cresciuto anzi..però la colpa rimane prima di tutto sua se è capace di intendere e di volere..se non lo è la colpa è della sua malattia e del modo in cui (non) è stata curata.
La società certamente può avere delle responsabilità, ma per favore non gettiamo la croce addosso agli artisti.

 
Ritratto di paolo1984
 #

Comunque non voglio

Comunque non voglio assolutamente dire che l'arte non può avere anche intenti morali: Stephen King, ad esempio ha scritto ottimi romanzi (che ti consiglio) sul tema della violenza sulle donne: Rose Madder, Il gioco di Gerald, Dolores Claiborne.
Ma la moralità 8in particolare la moralità dell'uomo comune) non deve e non può essere l'obiettivo primario di un buon artista. che non può farsi imbrigliare da troppe regole e tabù per esprimere il suo messaggio.

 
Ritratto di ospite
 #

anche io sono una ragazza

anche io sono una ragazza contro la violenza,specialmente quella sulle donne! ma non penso proprio che questa canzone vi si riferisca!A quanto ne ho capito J ax con il dire o ti amo o ti ammazzo vuole semplicemente spiegare che fra due persone che si sono amate non può esserci altro tipo di rapporto..tipo amicizia o cmq confidenziale! O ci si ama o ci allontana x sempre (ti ammazzo) in senso metaforico xò! infatti nel testo ribadisce dicendo :"La mia preferita per sempre resterai,
però mia amica non lo saresti mai,
noi non vogliamo saluti o buri o un altro numero in rubrica,
noi vogliamo la carne, le labbra,"

 
Ritratto di DP DonnaPratica
 #

Stento a leggere una metafora

Stento a leggere una metafora in "ti ammazzo", anche perchè nel video il pugno è fasciato e ci sono numerose coppie che litigano, si spingono, urlano.
Se voleva essere una metafora è venuta male.

 
Ritratto di Anonimo
 #

Io sono una ragazza che ha

Io sono una ragazza che ha molto a cuore l'argomento violenza sulle donne,ripudio chiunque faccia cose del genere però non penso che questa canzone sia un incitamento alla violenza sulle donne, il testo è semplicemente bellissimo e bisogna capirlo per dargli una giusta interpretazione;è una canzone che parla di un'amore passionale al tal punto che i due amanti non possono fare a meno di stare insieme (ti amo) anche se a volte si respingono(ti ammazzo). 'E un brano che può anche essere utilizzato come una dichiarazione d'amore originale...ammetto che sarebbe una dichiarazione una po' alternativa!

 
Ritratto di DP DonnaPratica
 #

secondo te: "ti amo" = "due

secondo te: "ti amo" = "due amanti non possono fare a meno di stare insieme"?!? TI amo non significa CI amiamo.
Nel testo della canzone è solo "lui" che parla e si rivolge ad una ragazza che, nel video, viene mostrata già molto impegnata con un altro ragazzo e non sembra per nulla interessata al "lui" della canzone. Infatti, all'inizio della canzone dice che lui ha urlato e la ragazza, intelligentemente, è andata via subito.
secondo te:
"ti ammazzo" = "a volte si respingono"?
ancora una volta trasformi la dichiarazione di "lui" (ti ammazzo) in azione plurale di respingimento occasionale. Ammazzare non significa respingere, ammazzare significa togliere la vita ad una persona, non è un sinonimo di amare, e purtroppo molte donne vengono ammazzate ogni giorno.
Il protagonista della canzone si rivolge alla ragazza dicendole: o mi permetti di amarti, o ti ammazzo, o stai con me, o ti ammazzo.
Qualche caso reale:
http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo453062.shtml
http://www.corriere.it/cronache/09_maggio_17/romena_uccisa_palermo_ricer...

 
Ritratto di geronimo82
 #

ti ammazzo è una minaccia di

ti ammazzo è una minaccia di morte, voialtri donne siete strane........ vi piacciono quelli che vi menano

 
 

 

 

 

Invia nuovo commento

Your first name. N.B. Se sei una persona lascia il codice intatto.

Opzionale - se vuoi ricevere le notifiche delle risposte inserisci un indirizzo email valido e seleziona le opzioni di ricezione che trovi sotto il commento. N.B. l'indirizzo email è sempre privato e non verrà mostrato pubblicamente.

CAPTCHA
Questa domanda serve per verificare che non sei uno spam-bot. Non c'è distinzione tra maiuscole e minuscole.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.

Segnala questa pagina

Vota questa pagina

3
 
 

Ultimi commenti

Mi sto profondamente vergognando d'esser donna. La tristezza immensa sale a me leggendo quest'articolo, altro che a voi sentendo questo brano...

MartinaM. (ospite)
>> leggi
Mi chiedo se prima di scrivere stronzate ci pensi o lo hai fatto per il puro scopo di fare scoop (inutile) Son cresciuto con questa canzone tra l'...

SFrancesco (ospite)
>> leggi
MA VERGOGNATEVI E FATEVI UNA VITA SOCIALE INVECE DI DIRE CAZZATE... SCOPATE DI PIU!!!

VERGOGNA (ospite)
>> leggi
Ciao, cosa intendi dire con "a buon mercato"? Puoi illustrare cosa vuoi dire con "essere meno baciapile"? --- Sito web libero,...

DP
>> leggi

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-5634326145375843"
data-ad-slot="3055815640">