Home

Economia e società - Demografia e produzione

Siamo bestie da riproduzione (produzione)?

Procreazione come fattore produttivo, essere umani come bestie da riproduzione/produzione nella fattoria degli animali.

asino, mulo

Immagino che penserete che il titolo di questo post sia un po' crudo. Giusto, e poi perchè porsi questa domanda? sere fa ho visto un pezzetto di Porta a Porta, ho sentito dichiarare da alcuni (Povia e on.Buttiglione), in sintesi, che la funzione sociale delle persone consiste nel procreare prole. Davvero una bella immaginetta. Significa annientare il valore sociale delle persone sterili, dei singoli e delle coppie senza figli, annientare il valore sociale di chi sceglie di dedicare la propria vita agli altri senza procreare (notando in questa idea anche una solida  contraddizione concettuale se sostenuta da un cattolico). Semplicemente, certe dichiarazioni vogliono espropriare la dignità umana alle persone che non hanno figli per vari motivi, a meno che non siano autorizzati da un potere gerarchico superiore.

La preoccupazione sembra essere l'estinzione della specie umana, tendenza che non pare tale a livello mondiale e infatti altri sono preoccupati per il sovraffollamento. Altri ancora si preoccupano per l'estinzione della razza italiana. Ma quando, come in Italia, le nascite di virtuosi autoctoni originari italiani colano a picco ci si dovrebbe piuttosto interrogare sulle motivazioni. In verità anche gli immigrati cominciano a fare riflessioni sul numero di figli e con il tempo lo faranno, probabilmente, sempre di più, poichè vivono nel nostro stesso ambiente. Forse, le motivazioni che portano le persone a scegliere di non procreare figli possono essere connesse alla consapevolezza di trovarsi in un ambiente ostile? forse, le persone scelgono di non mettere al mondo dei figli perché sanno che li costringeranno a vivere in un ambiente ingiusto, fatto ad hoc per furbetti e intrallazzatori?

Parlare di procreazione in quel modo la rende un mero fattore produttivo e fa vedere le persone come una sorta di animali nella fattoria (di Orwelliana memoria): estinzione della specie, manodopera, entrate fiscali... e questo vale per italiani e per extracomunitari dei quali si parla esclusivamente come fattore di manodopera (autodeportazioni di disperati per abbassare le paghe, il costo della manodopera, il costo del lavoro).

Sembra che si debba mettere al mondo dei figli solo perchè a loro volta dovranno produrre (a basso costo) e riprodursi (quanto, come e dove decide il fattore*) per lavorare e pagare gabelle. E allora mi chiedo: che differenza c'è tra gli esseri umani e gli animali?

 

*fattore = Chi conduce una fattoria
5
 
 


Commenti

scrivi commento
 

 

 

 

Invia nuovo commento

Your first name. N.B. Se sei una persona lascia il codice intatto.

Opzionale - se vuoi ricevere le notifiche delle risposte inserisci un indirizzo email valido e seleziona le opzioni di ricezione che trovi sotto il commento. N.B. l'indirizzo email è sempre privato e non verrà mostrato pubblicamente.

CAPTCHA
Questa domanda serve per verificare che non sei uno spam-bot. Non c'è distinzione tra maiuscole e minuscole.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.

Segnala questa pagina

Vota questa pagina

5
 
 

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-5634326145375843"
data-ad-slot="3055815640">